Mi chiamo Filomena Grimaldi e picchio duro: di librerie, strategie e biglietti d’ingresso

Ho scritto una cosa in cui si parla di librerie, di eventi, e speriamo, anche di futuro.

cose da libri

ticketFilomena Grimaldi è una libraia, fino a maggio scorso curatrice di eventi alla libreria Utopia di Milano. Quella che segue è la sua opinione sul presente e sul futuro di librerie e librai, ispirata dalla notizia della chiusura della libreria Largo Mahler, che “cose da libri” ospita con grande piacere. Cosa ne pensate, o lettori? Intanto grazie a Filomena (troverete un suo profilo alla fine del pezzo) per aver condiviso le sue riflessioni controcorrente.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

È recentissima la notizia dell’ennesima libreria che chiude per sempre, e io sono qui invece, a cercare il locale giusto per aprirne una, in provincia.
In molti mi sconsigliano questa impresa folle, ci sono gli ebook, gli Italiani non leggono, il mercato è in crisi eccetera eccetera. Sì, il mercato è in crisi, vero, ma crisi non vuol dire che questo mercato stia scomparendo – si veda l’affluenza sempre maggiore ai festival di letteratura… –…

View original post 1.311 altre parole

Annunci

Un pensiero su “Mi chiamo Filomena Grimaldi e picchio duro: di librerie, strategie e biglietti d’ingresso

  1. Pingback: Strascichi (o strascìni*!?) del parlar di librerie | la terza città, un posto di scrivere*

lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...